Multimedia6

C. La regola del cambio di radice in siciliano


  Quando abbiamo coniugato i verbi jucari e pirciari, avrai notato che la radice del verbo cambia la u non accentata dell’infinito jucari in o e la i non accentata di pirciari in e. In siciliano è una regola generale che le e e le o accentate delle parole, cambino in i e u quando le vocali non sono più accentate. Questo accade non solo per i verbi, ma anche per i sostantivi, gli aggettivi e gli avverbi. Per esempio, nella parola veru la e è accentata. Così le parole derivate da veru, come virità o viramenti, che hanno l’accento su una differente vocale, cambiano la e in una i. Una procedura simile si segue per le parole accentate sulla vocale o, come volu (volo) che diventa vulàri, vulàta. Ecco alcuni altri esempi:

  Sòla-sulètta lèttu-littìnu vèntu-vintàgghiu tèsta-tistùni morti-murtali

  I verbi come lèggiri e sèntiri che hanno l’accento sulla e, cambiano la e in i per la prima e seconda persona plurale del presente quando l’accento si sposta su un’altra vocale. Verbi simili come cògghiri (raccogliere) che hanno l’accento sulla o, cambiano in u nella prima e seconda persona plurale del presente (nui e vui). La prima persona dei verbi jucari, sfugari e allungari, elencati prima, sarà jocu, sfogu e allongu seguendo la stessa regola.

  Ci sono alcuni verbi che sono accentati in due diverse maniere. Lo spostamento della vocale accentata ha come conseguenza un differente modo di scrivere il verbo stesso. Ecco alcuni esempi: mòriri / murìri; sèntiri /sintìri; e vèniri /vinìri.

  Osserva cosa accade quando coniughiamo sèntiri e cògghiri al presente:

Jo sèntu   Nui sintèmu   Jo cogghiu  Nui cugghiemu
Tu sènti   Vui sintìti   Tu cogghi   Vui cugghiti
Iddu, Idda sènti   Iddi sèntunu   Iddu, Idda cogghi   Iddi cògghiunu
Vossia, Lei sènti   o iddi sèntinu   Vossia, Lei cogghi   o Iddi cògghinu

  La lista dei verbi che seguono questa regola è lunga. È comunque importante comprendere il concetto generale di questo punto grammaticale, così che si possa applicare anche a una parola che si incontra per la prima volta. Ricorda che la vocale della radice dei verbi cambia secondo le seguenti regole:

Se la vocale radice è i, essa cambia in e come in aspittari-aspettu,
Se la vocale radice è e come in sèntiri, essa cambia in i: sintèmu, sintìti
Se la vocale radice è u, essa cambia in o come in allungari- allongu,
Se la vocale radice è o come in mòriri, essa cambia in u: murèmu, murìti.

  Una volta trovata la prima persona del verbo, il resto della coniugazione segue lo schema prestabilito, come abbiamo già visto.

Eserciziu 14: Scrivi la giusta forma del presente per questi verbi con cambio di radice: headphone icon
cliccati ccà
1. Luigi ______ na littra di la zita. (aspittari)
2. Li carusi ______ lu nvitu pi la festa. (accittari)
3. Iddi ______ ca vui viniti a la festa. (spirari)
4. Marìa ______ na bedda torta a la festa. (purtari)
5. Jo mi ______ la giacca picchì fa càuddu. (livari)
6. Tu ______ lu puntu dèbbuli. (tuccari)
7. Iddi ______ pi lu Prisidenti. (vutari)
8. Jo nun ______ la chiavi di la porta. (truvari)
9. Marisa ______ un travagghiu. (circari)
10. Mariu nun ______ travagghiari. (vuliri)

Eserciziu 15: Reagisci alle seguenti affermazioni e dai il tuo consiglio come nel modello. Ricorda che questi sono tutti verbi con cambio di radice: headphone icon
cliccati ccà
Carusi, aspettu ccà nàutri cincu minuti? No, è megghiu nun aspittari.
Ragazzi, asspetto qua altri cinque minuti?  No, è meglio non aspettare

1. Carusi, accettu lu nvitu di Marìa? 2. Carusi, speru ca vui viniti a la festa. 3. Carusi, portu na torta di puma? 4. Carusi, votu pi li Prisidenti? 5. Carusi, cercu un travagghiu pi Marisa? 6. Carusi, speru ca la situazioni economica cancia. 7. Carusi, toccu li carti di lu prufissuri. 8. Carusi, vui pusati la paninu supra lu tavulu? 9. Carusi, allongu nanticchia lu discursu? 10. Carusi, vui liggiti troppu rumanzi!